Vivere l'esperienza delle vigne in Francia con Alice Tourbier, proprietaria di Les Sources de Caudalie

Vivere l'esperienza delle vigne in Francia con Alice Tourbier, proprietaria...

Il suo albergo si è recentemente guadagnato il marchio “Palace”, una distinzione che solo altre 23 strutture sono riuscite ad aggiudicarsi in Francia. Alice Tourbier è proprietaria di Les Sources de Caudalie, immerso nelle vigne del Chateau Smith Haut Lafitte a Martillac, vicino a Bordeaux. Ha presentato la sua proprietà a Euronews.

“Penso che siamo riusciti a creare una realtà unica e un’esperienza di turismo particolare intorno alle vigne creando una serie di collegamenti fra i campi, il nostro ristorante chiamato Grand Vigne e il centro benessere dove usiamo i prodotti Caudalie, la marca di skincare biologico fondata da mia sorella Mathilde Thomas”, spiega Tourbier.

La proprietà dispone di una piccola sorgente termale posta a 540 metri di altezza, non lontano dalla spa. Questa risorsa viene adoperata quotidianamente insieme a una gamma di creme ed altri prodotti anti-invecchiamento che si trovano negli acini d’uva. Inoltre, l’acqua di uva, un derivato del vino rosso, viene utilizzato come rinfrescante della pelle. La vinoterapia perfezionata quotidianamente dall’apertura della spa diciotto anni fa è stata qui una soluzione all’avanguardia.

“Prima di noi, la regione non era considerata una destinazione d’alta gamma e c’erano pochissimi turisti. Siamo dei pionieri. All’inizio abbiamo reclutato delle personalità piuttosto che dei professionisti. Abbiamo insegnato quasi tutto da zero al nostro team. Oggi 125 persone lavorano a Les Sources de Caudalie e ognuno di loro è consapevole delle diverse attività che si svolgono sulla proprietà “ ricorda Alice.

Il Castello Smith Haut Lafitte risale al XIV secolo. Ospita artigiani come i bottai che fabbricano botti per il vino e uno stalliere che addestra i cavalli destinati a lavorare tra i filari dei vini bianchi. Anni fa qui si è prodotta una svolta nell’industria enologica con l’introduzione di una cantina ecologica innovativa denominata ‘chai furtif’, che include un sistema per catturare e trasformare l’emissione di CO2 in bicarbonato.

“È un luogo di soggiorno, un ecosistema circolare di cui siamo molto orgogliosi – afferma Tourbier – Ad esempio, il mio posto preferito è il nostro orto biologico. Ci sono anche quindici galline che producono uova che troverete poi nel menu del ristorante, abbiamo le api e l’ultima novità sono le capre nane per proteggere le galline dalle volpi, sono animaletti lanuginosi in carne ed ossa “.

Il connubio fra cucina e benessere, l’esperienza turistica e la relativa riservatezza delle Sources_ rendono questo un luogo ideale per gli artisti che vengono a rigenerarsi. Alcuni sono invitati da Alice Tourbier per esporre il loro lavoro del resto l’arte è profondamente radicata nello spirito dei luoghi.

‘Hospitality Hare’ dello scultore gallese Barry Flanagan (1941 – 2009) spicca fra le vigne della proprietà: “Era qui prima che aprissimo l’hotel, è stato un segno”, spiega Tourbier. Ricorda che l’artista era venuto qui un’ultima volta a vedere la sua opera alcuni anni fa, prima di morire. Ci sono altre tre lepri simili al mondo. Siamo fortunati ad averla esposta a _Les Sources de Caudalie_“.

Nel corso del tempo, Les Sources de Caudalie è diventato il luogo di un’esperienza esclusiva a 360 gradi che offre alla clientela di fascia alta una visione dell’architettura, della gastronomia e dei vini tipici della regione di Bordeaux mantenendo l’atmosfera di un’accogliente campagna, in linea con l’autenticità dei proprietari e in armonia con questa terra.

Altro da savoir-vivre

Vedi altro